"ESSENZE"
(70 poesie divise in due sezioni)

Essenze
Ciò che è stato molto
lavorato distillato estratto:
rimane.


Elementi
ciò che è, così,
constatazioni, osservazioni.







Prefazione di Baba Bedi XVI.


Ero seduto fra la bellezza delle Dolomiti assorto, senza respiro; in quell'attimo di profondo silenzio interiore, il suono del tuono mi scosse violentemente, dal mio stato di calma.
Mi incamminai in una riflessione e mi chiesi: cos'è il tuono? E qual è lo scopo del tuono?
Serve a disturbare, a rompere il silenzio, o per risuonare nelle orecchie fino a stordirti?
La risposta era no, il tuono è la voce del lampo, poiché non possiamo sentire il tuono se non è accompagnato dal lampo.
Quindi ci rendiamo conto che il lampo scuote con la voce del tuono.
Allora ci chiediamo, cos'è il lampo?
Per definire il lampo, osserviamo cosa lo fa nascere.
Il lampo prende vita da due fattori: il primo fattore è l'equilibrio.
Il secondo è il suono dell'equilibrio stesso.
Quando le forze della Natura sono in uno stato di squilibrio (dovuto a qualsiasi agente naturale), si muovono cercando l'equilibrio, e questo movimento produce un lampo, che è il processo per riportare l'equilibrio, ed ha una sua voce, il tuono.
In altre parole nell'Anima Umana, ci sono due componenti inseparabili: la Luce e la forza vitale.
Da qui facciamo un passo avanti e ci chiediamo: che rapporto c'è fra la poesia e il tuono?
Il tuono è il verso poetico del lampo, e il lampo è la forma visibile della Natura che riporta l'equilibrio.
Quindi, la poesia e l'equilibrio sono due componenti inseparabili.
I saggi hanno sempre affermato che il dono piú grande che la Luce ha dato all'essere umano, è la capacità di parlare, e di esprimersi in poesia.
Tutti i testi religiosi dall'islamismo all'induismo, dal buddhismo al cristianesimo, originariamente sono stati ispirati in forma poetica.
La poesia regalataci dalla Luce è il ritmo dell'Anima Umana.
L'Unità di Luce che risiede nell'Anima Umana fa nascere la poesia.
Possiamo quindi affermare che la poesia è la voce che riflette il movimento della Luce interiore.
Aristotele divenne il padre e il fondatore dell'arte di interpretare la fisionomia, nello stesso modo, possiamo affermare che la poesia riflette la dinamica della Luce, componente dell'Anima Umana.
Ci chiediamo, quindi: se la poesia è la forma originaria di espressione della parola, perché non tutti gli esseri umani scrivono poesie?
La risposta è molto semplice e la troviamo riconoscendo il movimento degli esseri umani. Molte qualità che appartengono alla specie umana alla nascita, sono state trasformate, (che non significa perdute), ma si sono diversificate in varie forme espressive.
La poesia e una delle forme espressive dell'anima, ed è molto forte, poiché non è solo il suono delle parole, ma è anche il ritmo e sono anche le immagini della poesia che si formano davanti agli occhi. Di questo fenomeno possiamo avere o non avere consapevolezza.
Ogni cosa che mette l'impatto sui sensi, viene trasmessa alla mente, la mente integra l'immagine e la manda alla Coscienza, ed è il livello di Coscienza che è l'agente di riconoscimento di quello che viene ricevuto.

prosegue...